Confini

Ti guardo

ed è come se l’intero universo trattenesse il fiato.

Ansima il tuo corpo imperlato del mio sudore.

Quali confini hanno varcato i tuoi occhi?

 

Non ci sono soglie da varcare. Nessun muro da scalare

per chi conosce le risposte.

I pianeti non hanno entrate

e nemmeno uscite.

 

Lascia che le mie dita affondino tra i tuoi capelli.

Ascolta la mia supplica: non andare.

Il Tempo è un dio rancoroso

con chi può fare a meno di lui.

Lascia un commento

Archiviato in Letture/Pensieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...