Listen to me, Kyrie!

La pioggia per dispetto

insozza le vetrate appena tirate a lucido

con carta di giornale.

I ritratti sulla tavola periodica svelano la composizione degli elementi.

Proprio a nulla valgono le trasparenze dello spirito

e l’evanescenza dell’anima? Dove vanno a finire la metafisica

le lacrime e i sorrisi?

Eppure fiorisce il melograno e tuonano le corna dei cervi.

Tutto quanto finisce

nei moti di rotazione

della lavartice

in un tripudio di ostinata immanenza.

Gli anziani si interrogano

della vita quale sia il baricentro:

la sopravvivenza è una partita truccata

se tutti gli eroi muoiono giovani e  sono gli infimi a sopravvivere.

Quel che resta sul piatto

chiamiamo avanzi.

Lascia un commento

Archiviato in Letture/Pensieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...